Main Profili La figa stretta vuoi provare sempre tanta voglia

10 cose che forse non sapevi sulla vagina

La figa stretta vuoi 14781

Ecco cinque cose che le donne sognano di provare a letto con il proprio partner. Essere presa con passione dal partner Sentire la sua forza in un bacio intenso e interminabile. I vestiti strappati via d'istinto, il desiderio dirompente di lui, che trasmette con energia la sua voglia di fare l'amore e dimostra, davanti al nostro corpo, di non sapersi trattenere. Alle donne piace perché: sapere di scatenare nel partner un desiderio inarrestabile non solo è molto eccitante e coinvolgente, ma aumenta l'autostima erotica e stuzzica la voglia di sperimentare insieme. Ricevere complimenti legati alla sfera sessuale Gli apprezzamenti non devono essere generici, ma molto specifici e mirati alla relazione. I complimenti possono riguardare qualsiasi parte del corpo: il décolleté, le gambe, il sedere e perfino le parti intime, vagina inclusa. Ma devono essere molto dettagliati e sottolineare la particolarità che rende ogni donna unica.

Lo abbiamo chiesto a un ampio eroe di donne dai 29 ai 45 anni. Tutte con vite molto diverse e vite sessuali profondamente diverse, alcune con figli e marito, altre insieme una relazione stabile, altre ancora aperte al sesso libero. Tirate il arresto a mano: la gradualità è apprezzabile Per eccitarsi una donna ha desiderio che il suo cervello dia il via libera alla sua vagina. A parole tutti gli uomini lo sanno, ma poi nella pratica se ne dimenticano… È importante andarci piano e non dritti al dunque tipo «bacio in bocca e mano in medio alle gambe». La parola chiave è gradualità: piano piano, carezza dopo accarezzamento, bacio dopo bacio, bisogna arrivare al cervello della partner. Ad attivare la vagina, poi, ci penserà lui!

Sono temi di cui si legge notevole sulle riviste femminili, ma su cui non abbiamo dati a livello interno. Al questionario di Rossi hanno risposto più di 16mila donne tra i 15 e i 70 anni, insieme età media di 33 anni, eterosessuali per il 92 per cento. Si intitola Vengo prima io ed è in libreria da ieri. Partendo dalle risposte al questionario Rossi, che è anche psicoterapeuta ed è la capo della Federazione Italiana di Sessuologia Scientifica, ha creato una guida sui principali aspetti della vita sessuale collaborando insieme Giulia Balducci, peraltro giornalista del Post. Pubblichiamo un estratto del libro dal capitolo dedicato alla penetrazione vaginale affinché spiega, in primo luogo, che non deve per forza essere considerata la «pratica sessuale per eccellenza», anche per le donne eterosessuali. Non stupitevi se queste misure non corrispondono a quelle di un pene eretto o a quelle del sex toy che utilizzate. Tra noi ci sono fantasia, preliminari, amore, desiderio, ma niente, non succede. E un buon livello di agitazione.