Main Profili Super dotato sogni in qualcosa di reale

Lezione 15 Il Sogno

Super dotato 47466

Il sogno generalmente svolge la sua trama in modo confuso, opaco. Il mondo dei sogni è fatto della materia dei sogni, e non è limitato dalle leggi della fisica, ma è aperto alla pura e infinita potenzialità della fantasia. Questo rende il mondo dei sogni lucidi un territorio di grande fascino per chi decide di esplorarlo consapevolmente. La premessa a tutto quello che leggerai in questo articolo è che i sogni lucidi non sono condizioni alterate di coscienza. Il primo a coniare il termine sogno lucido è stato lo psichiatra Frederik van Eeden nel Non è un ricordo chiaro di un sogno fatto Quando ti svegli e ti ricordi perfettamente del sogno che hai appena concluso, sei sveglio. Il sogno è passato.

Le funzioni organizzative dell'attività mentale del allucinazione James L. Il modello classico di formazione e interpretazione del sogno è rimasto relativamente invariato Curtis, Sachs, Tuttavia stimolo primario al sogno rimane il desiderio, che rappresenta un avviamento istintuale di origine infantile e affinché cerca gratificazione nel corso di tutta la vita Altman, Ulteriori aspetti caratterizzano il modello classico: le difese o i loro mascheramenti sono sempre presenti nella formazione dei sogni, insieme il risultato di una distinzione di contenuto manifesto e latente; inoltre, i sogni sono prodotti di una declino intrinseca Arlow, Brenner, ; Blanck, Blanck, e cioè riguardano modalità primitive di funzionamento, escludendo in generale funzioni cognitive più sofisticate. Al di là della psicoanalisi, sono emersi nuovi ambiti di studio: la psicofisiologia del sonno e del sogno, la ricerca sui contenuti dei sogni e la psicologia cognitiva. È sulla scorta delle evoluzioni teoriche in psicoanalisi e dei risultati della ricerca sul sogno REM e circoscritto dei sogni che io Fosshage, per primo ho proposto una revisione del modello psicoanalitico dei sogni. Intendo in questa sede analizzare e sviluppare ulteriormente le implicazioni teoriche e cliniche di questo modello, tenendo in considerazione alcuni dei più recenti sviluppi della corteo psicoanalitica, la ricerca sui sogni e la psicologia cognitiva. Considero questo campione come il modello organizzativo dei sogni, in quanto il processo e le funzioni principali dei sogni sono di organizzare i dati.

Benché questa idea fallisce perché Freud ne fa una descrizione scoppiettante e letteraria, come del resto fa in tutta la sua opera, oscillando tra una concezione naturalistica e una concezione mitica del sogno. Un giorno con mia grande sorpresa, ho scoperto che non la concezione medica del sogno, bensм quella profana, per metà ancora in balia della superstizione, si avvicina alla verità. Se vi capitasse di accogliere un convegno nel quale parlano i neurofisiologi del sonno, vi accorgereste come vengano fatti discorsi alquanto limitati, e che il sogno sembra sfuggire alle definizioni, anche se poi tutti ne afferrano subito il significato. È una realtà di tutti svegliarsi al mane con la sensazione legata al allucinazione fatto, senza tuttavia ricordarsi del circoscritto del sogno stesso. Le molteplici analogie della vita onirica con le più diverse condizioni di malattia mentale nella veglia erano già state giustamente notate da numerosi studiosi medici. Le idee fobiche e ossessive sono estranee alla coscienza normale quanto i sogni alla coscienza vigile; la loro origine è ignota alla coscienza quanto quella dei sogni.