Main Semplici Schiava sottomessa senza orologio e limiti

Schiava Di Un Padrone

Schiava sottomessa 34205

Giorgio e Anna, due coniugi sposati da poco, 40 anni lui, 30 anni lei. Lunghissimo fidanzamento, lei proveniente da una famiglia rigida, istruita secondo un educazione cattolica, provinciale, data in findanzata a Giorgio tramite le famiglie. Lui Giorgio lavoratore ma con idee perverse, dopo quaclhe anno di matrimonio non era riuscito a fare molto con la moglie troppo tesa e lui non molto esperto, per questo aveva iniziato a navigare ed era diventato un assiduo visitatore di siti erotici e fantasticava spesso di vedere la giovane mogliettina disinibita che inanzitutto canbiasse modo di vestire con capi molto provocanti e intimo molto striminzito il contrario di come vestisse in quel momento. Vederla umiliata e usata, ma lui da solo non ne aveva la forza, sapeva essere autoritario visto che lei era molto mite, ma al momento di prenderla con rudezza se lei supplicava e si ritraeva, non reggeva e gli si ammosciava. Doveva trovare una soluzione. Anche le ricerche su internet erano deludenti, si molti volevano foto della moglie, ma poi abitavano lontanissimi, non era una cosa realizzabile. Come fare e la prima cosa era farle cambiare abbigliamento. E allora chiese aiuto al vicino.

L'ispezione della schiava serve al Padrone per vedere se la merce è di suo gradimento e se la schiava è pulita, cosa importantissima in un rapporto di sottomissione. Prima di ancorare il primo appuntamento ci fu un serrato scambio di mail e telefonate con il Padrone, che mi aveva chiesto, tra l'altro, quanto fossi alta. Io risposi che sono alta un metro e sessantasette centimetri e egli mi disse che dovevo mettere scarpe basse, perchè lui non tollerava donne più alte di lui. Mi diede anche indicazioni circa il modo di vestire: camicetta abbottonata davanti, ampia gonnella al ginocchio anch'essa abbottonata davanti, scarpe basse, calze autoreggenti di color asettico, reggiseno e mutandine. Mi diede colloquio a casa sua e io arrivai puntuale all'orario stabilito. Nicola, il mio nuovo Padrone, mi venne ad dischiudere e mi condusse in una alloggiamento, dove trovai con mio grande ammirazione quattro uominii seduti su sedie in fila, come ad uno spettacolo. Egli mi rispose: Sono quattro miei amici, che presenzieranno alla tua ispezione. Per prima cosa dovetti consegnare al Dominatore gli orecchini, gli anelli e l'orologio. Poi Nicola mi fece alzare le braccia e divaricare leggermente le gambe.

A referenziati. AR67 Aff. Euro ,00 affittasi a referenziati. Affatto e acutamente arredata, risc. AR71 AH. Attivo, euro tratt.